Visualizzazioni totali

martedì 11 settembre 2012

Matita, eyeliner e kajal: quale scegliere e come si usano???

Il nero sugli occhi: cosa scegliere tra matita, eye liner, kajal, kohl, ed ombretto? Scopri le differenze e impara a usarli per ottenere risultati perfetti:

Nessun altro colore come il nero riesce a mettere così in rilievo lo sguardo, ma spesso girando per negozi si fa confusione tra tanti nomi diversi e poche certezze su cosa realmente ci servirebbe, e sul risultato che vorremmo ottenere. Ecco qualche dritta per potersi orientare!

                   Partiamo dalla famosissima matita nera: non esiste beauty case al mondo che non ne contenga almeno una, o ragazza che non l’abbia mai provata almeno una volta! Generalmente è proprio la matita nera il primo cosmetico in assoluto che si prova da ragazzine per iniziare a truccarsi un po’, questo perché è molto semplice da applicare, sta bene quasi a tutte, necessita di pochi accorgimenti (meglio metterla esternamente se si hanno gli occhi piccoli, mentre va benissimo l’applicazione interna se avete gli occhi grandi) è economica e basta già dare una passata con questo semplice tratto per conferire una notevole profondità ai nostri occhi.                                                   
In ogni profumeria avrete la possibilità di visionare innumerevoli matite; sono vendute pressoché ovunque e nelle forme più basiche l’aspetto di questo indispensabile strumento non è particolarmente dissimile da quello di un comune pastello nero, ma in questo caso chiaramente la sua funzione è ben diversa, così come la consistenza del colore e la morbidezza della punta che ne determinano il grado di scrivenza sulla pelle: se da una parte è necessario dire che più sono morbide più scrivono e più sono dure più occorre insistere per realizzare la nostra linea, dall’altro lato va anche segnalato che quelle morbide sono tendenzialmente più soggette al rischio sbavatura e meno resistenti nel tempo rispetto a quelle dure.
Questo vale per le normali matite la cui composizione chimica,  ricca di pigmenti,  cere ed olii, non è formulata per ottemperare a particolari esigenze se non a quella di colorare gli occhi e struccarsi facilmente una volta arrivate a fine giornata. Ben altro discorso vale per le matite waterproof, studiate e formulate con l’aggiunta di particolari siliconi per garantire oltre all’effetto long lasting anche una buona idrorepellenza.


                            ShailaDelMastro:*               

Nessun commento:

Posta un commento

Comprare bijoux e diventanto ancora piu bello su DIVASHOP

Comprare bijoux e diventat ancora piu bello acquista su diva shop bijoux http://www.facebook.com/divashop.bijoux
se dicederai di fare un ordine dici che ti mando io e avrai uno sconto speciale solo per te !!!

martedì 11 settembre 2012


Matita, eyeliner e kajal: quale scegliere e come si usano???

Il nero sugli occhi: cosa scegliere tra matita, eye liner, kajal, kohl, ed ombretto? Scopri le differenze e impara a usarli per ottenere risultati perfetti:

Nessun altro colore come il nero riesce a mettere così in rilievo lo sguardo, ma spesso girando per negozi si fa confusione tra tanti nomi diversi e poche certezze su cosa realmente ci servirebbe, e sul risultato che vorremmo ottenere. Ecco qualche dritta per potersi orientare!

                   Partiamo dalla famosissima matita nera: non esiste beauty case al mondo che non ne contenga almeno una, o ragazza che non l’abbia mai provata almeno una volta! Generalmente è proprio la matita nera il primo cosmetico in assoluto che si prova da ragazzine per iniziare a truccarsi un po’, questo perché è molto semplice da applicare, sta bene quasi a tutte, necessita di pochi accorgimenti (meglio metterla esternamente se si hanno gli occhi piccoli, mentre va benissimo l’applicazione interna se avete gli occhi grandi) è economica e basta già dare una passata con questo semplice tratto per conferire una notevole profondità ai nostri occhi.                                                   
In ogni profumeria avrete la possibilità di visionare innumerevoli matite; sono vendute pressoché ovunque e nelle forme più basiche l’aspetto di questo indispensabile strumento non è particolarmente dissimile da quello di un comune pastello nero, ma in questo caso chiaramente la sua funzione è ben diversa, così come la consistenza del colore e la morbidezza della punta che ne determinano il grado di scrivenza sulla pelle: se da una parte è necessario dire che più sono morbide più scrivono e più sono dure più occorre insistere per realizzare la nostra linea, dall’altro lato va anche segnalato che quelle morbide sono tendenzialmente più soggette al rischio sbavatura e meno resistenti nel tempo rispetto a quelle dure.
Questo vale per le normali matite la cui composizione chimica,  ricca di pigmenti,  cere ed olii, non è formulata per ottemperare a particolari esigenze se non a quella di colorare gli occhi e struccarsi facilmente una volta arrivate a fine giornata. Ben altro discorso vale per le matite waterproof, studiate e formulate con l’aggiunta di particolari siliconi per garantire oltre all’effetto long lasting anche una buona idrorepellenza.


                            ShailaDelMastro:*               

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog